I 41 che combattono in serie A

Una squadra giovanissima, con un nucleo solido riconfermato dalla precedente stagione, alcuni innesti di spessore dal Top12 e sette giovanissimi classe 2000 che dalle giovanili debuttano in serie A. E' questa la fotografia della Prima Squadra del Rugby Milano (ASR) che giovedì 20 settembre si è presentata alla stampa, agli sponsor e ai tifosi. Claudia Giordani,delegata per Milano del Coni , ha portato i saluti del comitato Lombardia e del presidente Perri: "Grazie soprattutto per quello fate a livello giovanile, per cui rappresentate all'interno dello sport milanese una delle eccellenze del nostro territorio". I 41 ragazzi della rosa (pochi assenti giustificati) hanno prima posato per le foto ufficiali e poi hanno partecipato in prima fila all'evento che si è aperto con i saluti e i ringraziamenti del presidente Sergio Carnovali. "E' una cosa meravigliosa vedere quanto sia fertile questo campo (è sintetico lo sappiamo ma il riferimento è ai ragazzi delle giovanili che passano di categoria, ndr): questa maglia che vi viene consegnata oggi dovrete difenderla per quelli che verranno dopo di voi". "Ricevere e poi dare con altrettanta gioia" è l'auspicio del consigliere Giorgio Teruzzi a nome della dirigenza del Club agli atleti che "rappresentano il vertice di questa nostra piramide", ricordando le centinaia di bambini che partono dal minirugby e si allenano sullo stesso campo. "Vogliamo essere una società 'virtuosa', e lo è quella che lavora bene a 360 gradi: in campo, con un'infrastruttura all'avanguardia e alle spalle con un'organizzazione competente" è questo l'obiettivo del Club come spiega Enzo Dornetti, direttore sportivo di Asr. "Questo nuovo centro sportivo ci ha spinto anche a fare le cose meglio, ad avere degli staff tecnici sempre più di qualità ed avere la possibilità di lavorare bene: con 20-30 giocatori che ogni anno salgono di categoria e arriveranno un giorno qui in prima squadra, possiamo ben sperare nel futuro. Se fossero 7 all'anno, come quest'anno, sarebbe un risultato eccezionale" ha concluso Dornetti. Federico Grangetto, head coach, prende la parola e presenta il suo staff, tutto riconfermato dalla precedente stagione: l'allenatore degli avanti Luca Chon, i preparatori atletici Valerio Savino e Mirko Tarenzi, lo staff medico guidato dalla dottoressa Alessandra Colombo, con i fisioterapisti Andrea Beltramello ed Edoardo Carabelli. "Seguendo la strada intrapresa 3 anni fa quando sono arrivato in questo club abbiamo continuato a puntare sui giovani, è il progetto 'Made in Asr'. Oggi presentiamo i nuovi inserimenti ma io devo ringraziare quelli che in questi tre anni hanno tenuto duro anzi durissimo", a partire dal capitano Leandro Lombardi. Tra gli altri citiamo ex professionisti come Simone Rossi, Patrick Bigoni e Daniele Pallaro che daranno equilibrio a una squadra sostanzialmente giovane. E’ confermata la presenza di Martin “Churro” Magallanes, pilone argentino già inserito felicemente nella famiglia ASR da 2 stagioni. Rientrano Marco Ferrari, terza linea, Alessandro Trentani, centro, e Simone Del Carro, terza linea/centro. Con loro Nicola Iannone e dopo il master all’estero torna Marco Morisi. "E’ una squadra molto interessante” commenta Grangetto. “Abbiamo tanti giocatori di qualità, fare scelte sarà difficile ma significherà poter valutare anche la professionalità. Vogliamo affermare con forza che la professionalità fa parte del carattere di un atleta e non riguarda il Campionato in cui si gioca”. "L'obiettivo minimo è la salvezza ma è un traguardo che ci sta stretto" ha detto Grangetto. Sulla presenza in serie A, e nello stesso girone di altre due squadre milanesi, il Parabiago che si riconferma e il Cus Milano neo promosso, Grangetto sottolinea: “Non può che fare bene al rugby lombardo, con il suo ‘bacino’ così interessante di giovani promesse, più squadre ci sono in serie A più si può sperare che i nostri ragazzi non siano meteore ma possano arrivare a giocare nel massimo campionato italiano”. "Noi abbiamo abbiamo una strada da seguire, non è l'avversario che cambierà il nostro impegno: Tutti contro tutti e cercheremo di dare tutto". Jona Motta, classe 2000, si fa portavoce dei 7 giovanissimi: "Arrivare nella rosa è un lungo percorso, È il risultato di una grande fatica, di un grande impegno, di tante partite giocate dando sempre il massimo: non è solo un traguardo è anche l'inizio di un altro percorso, una grandissima soddisfazione per tutti. Tra di noi ci sono ragazzi che sono arrivati in Under 18 da altre società e abbiamo trovato in ASR un Club che ci ha accolto, ci ha fatto entrare nel gruppo e dato la possibilità di ambire alla serie A". Rispondendo alle domande dei giornalisti il capitano Lombardi spiega cosa si aspetta dalla stagipne 2p18-2019: "L'anno scorso è stato un anno di sacrificio, la fatica è stata soprattutto psicologica perché senza un obiettivo - sapevamo di essere già salvi perché il campionato non prevedeva retrocessioni - la testa va a farfalle. Quest'anno non c'è possibilità d'errore ma è l'annata giusta per fare molto bene". E l'head coach Grangetto conclude ringraziando i presenti e invitandoli domenica 14 ottobre alla prima partita di campionato: "Siete i nostri sostenitori abbiamo bisogno anche di voi domenica, ogni domenica. Venite con le famiglie, invitate gli amici, noi vi daremo il divertimento in campo, voi state con noi". La rosa: Giacomo ALLARIA m.mischia Federico ANTINORI 3a linea Carlo BELLATI estremo/ala Matteo BERETTA tallonatore Stefano BETTI pilone Giuseppe BIANCHINI 3a linea Patrick BIGONI pilone Giorgio BOCCARDO 2a linea Fabrizio CABRERA (*) jolly 3/4 Salvatore CIPOLLA 3a linea Stefano CONTI 3a linea Simone DELCARRO 3a linea Vittorio DOTTI centro Thomas DUDLEY apertura Enrico FATTORI ala Francesco FEDELI apertura/estremo Marco FERRARI 3a linea Matteo FRANCESCHI centro Alessandro FUMAGALLI ala/estremo Luca GORIETTI estremo Nicola IANNONE apertura Tommaso LIMONTA 3a linea Leandro LOMBARDI pilone/tallonatore Simone LONGONI centro Martin MAGALLANES - pilone Marco MORISI m.mischia Jona MOTTA ala Manuel NIERO 3a linea Daniele PALLARO pilone/tallonatore Alessio PANI m.mischia Angelo PIATTI pilone Federico RAGUSI centro Benedetto REBECCHINI m.mischia Simone ROSSI Milano ala Alessandro RUSSO m.mischia Federico SALERNO 3a linea Luca SBALCHIERO 3a linea Danilo SCARPELLINI 3a linea Guido SOLDI 2a linea Alessandro SPANGARO 2a linea Alessandro TRENTANI centro

Standard Post with Image

Main Sponsor

Partner